Lunedì 23 Ottobre 2017

Gli animali valgono quanto i piatti a Capodanno?

Creato il: 2 dicembre 2014

Condivido questo post di un’amica, per far riflettere prima le persone e poi le autorità…


questo succede nel 2014 ad Abbiategrasso, a 20km da Milano….. la grande città europea prossima all’expo.
la sera di mercoledì 26/11/2014 è stato trovato da un ragazzo poco più che ventenne, nel giardino condominiale di un palazzo comunale, un cucciolo di cane di circa 2 mesi, privo di microchip e non iscritto all’anagrafe canina, MORTO!
la persona che ha rinvenuto il cane disteso sul cemento, sapendo fosse detenuto fino al pomeriggio stesso da una signora residente nell’app.to ubicato sopra a dove era posizionato il cucciolo, ha citofonato alla stessa per chiedere spiegazioni o comunque informarla del ritrovamento. non ricevendo risposta ha chiamato le autorità, in particolare i CARABINIERI DI ABBIATEGRASSO. una volta intervenuti hanno citofonato a loro volta per CHIEDERE alla signora di SEPPELLIRE O SPOSTARE il cucciolo non ricevendo di nuovo risposta!
vorrei far notare che in Italia è illegale seppellire un cane in uno spazio comune, è possibile farlo solo nella proprietà privata e seguendo comunque alcune regole, alla base essere a conoscenza della causa della morto dell’animale e in questo caso i carabinieri non SAPEVANO la causa della morte!!!!
in seguito hanno richiesto al ragazzo che ha trovato il cucciolo, di TOGLIERLO DA LÌ.. “tanto c’è qui a fianco il canale……….. ” che gli avrebbe fatto un favore (ai carabinieri….) perché tanto non potevano fare nulla dato che il cucciolo non avendo microchip non era intestato ad alcun proprietario.
al ritorno del ragazzo che si era dovuto allontanare meno di qualche ora per impegni personali, il corpicino del piccolo era sparito!! lasciandolo solo con una fotografia (unica prova dell’accaduto al momento).
qui si fermano i fatti di cui eravamo a conoscenza giovedì 26/11/2014 quando io, Martina, Michela e Luca abbiamo deciso che non ci saremmo girati dall’altra parte come i CC DI ABBIATEGRASSO! volevamo sapere perché quel cucciolo che alle 18 stava bene alle 23 era morto nello stesso giorno.. volevamo giustizia per quella vita spezzata da una psicopatica.
da subito la signora senza problema alcuno informava i vicini che aveva LANCIATO IL CANE DAL BALCONE PERCHÈ PISCIAVA IN CASA ma per i carabinieri di abbiategrasso non contava.. dato che secondo loro potevamo solo fare un inutile denuncia contro ignoti.
a quelle risposte insoddisfacenti abbiamo deciso di attivarci intanto diffondendo l’accaduto a tv e giornali, sindaco, ministri, e contattando tutte le associazioni animaliste che conosciamo fino a che venerdì 28/11/2014 in tarda serata si sono presentate (dopo visita ai CC e al ragazzo che ha trovato il cagnolino) 2 guardie eco-zoofile appartenenti a oipa, le quali dopo varie richieste per sapere dove era stato portato il cucciolo davanti agli insulti e alle dichiarazioni di colpevolezza della signora (in visibile stato di ubriachezza) hanno redatto una denuncia penale fatta dal ragazzo che ha trovato il cane rivolta a lei e figlia (alla quale era stato affidato il cane da una VOLONTARIA DI VIGEVANO SENZA MICROCHIP).
ora siamo in attesa del processo al quale testimonierà la persona che ha ritrovato il cane e i vicini a riprova della detenzione da parte della signora del cucciolo!!
siamo in Italia e la nostra fiducia nel sistema giudiziario è molto poca, ma le leggi e le pene ci sono quindi bisognerebbe anche cominciare ad applicarle!!! di certo siamo scandalizzati dal comportamento di questi CARABINIERI i quali non hanno fatto il LORO DOVERE per il quale VENGONO PAGATI DA NOI CITTADINI!!
N.B. il capitano dei Carabinieri ha DIFESO questo comportamento!!!! tutto questo è inaccettabile e noi che vogliamo un mondo migliore non lasciamo passare questi episodi.
attendiamo sviluppi sulla vicenda ribadendo che è allucinante il pensiero che una vita solo perché è di un “animale” non venga considerata con il giusto valore e rispetto!!!

Ci vergogniamo insieme?

Lascia un commento

Nome (richiesto)

Email (non sarà pubblicata) (richiesto)

Testo (richiesto)

Back
I cookie ci aiutano a migliorare i nostri servizi. Utilizzando il nostro sito, accetti i cookie sul tuo dispositivo. Più informazioni | Chiudi